esagono nero.svg
rcsport-logo
rcsport-logo
search icon
ezgif.com-animated-gif-maker (4)

Il quotidiano online dello sport a Reggio Calabria e Provincia.

Associazione di promozione sociale Onlus EMITI.

Legale rappresentante Ornella Derna.
Direttore responsabile Rocco Calandruccio.

MAIN SPONSOR

ezgif.com-animated-gif-maker (4)
scarica-app-android-small-696x114

facebook
instagram
whatsapp
tiktok

2023 © RCsport.it - Tutti i diritti riservati. Associazione di promozione sociale Onlus EMITI. Reg. Trib. Palmi n° 1/18. Realizzato da VOLGO Agenzia Pubblicitaria

Nel 1920 la prima a Milano tra l’Inter e il Bologna

2023-10-06 19:48

Francesco Lacquaniti

CALCIO, STORIE DI SPORT, SPORT SOTTO I RIFLETTORI, Inter, Storie di Sport, Bologna,

Nel 1920 la prima a Milano tra l’Inter e il Bologna

La sfida sull’asse Milano Bologna ha radici antiche

inter-bologna_02.jpeg
il-presidente.jpeg

La sfida tra l’Inter e il Bologna non può che richiamare alla memoria lo spareggio Scudetto del 7 giugno 1964 che premiò i felsinei cucitisi sul petto quello che sarebbe stato il loro settimo (e fino a oggi ultimo) tricolore. Ma la sfida sull’asse Milano Bologna ha radici antiche visto che la prima in assoluto disputata in terra lombarda (si giocò all’Arena Civica) è datata 14 marzo 1920. 

 

Il campionato in questione era quello di Prima Categoria (il primo dopo la Grande Guerra) e ad aggiudicarsi quella sfida con un nettissimo 5-0 fu l’Inter che, dopo aver chiuso il primo tempo sul doppio vantaggio con Scheidler (autore della rete che permise all’Inter di violare lo Sterlino di Bologna un mese prima) a trafiggere Modelli ai minuti 38 e 42, alla ripresa delle ostilità maramaldeggiò con Agradi (talentuoso centrocampista nativo di Bologna) e con l’immancabile Luigi Cevenini a regalarsi una delle tante plurimarcature della sua brillante carriera lungo i navigli. 

 

Sulla panca dell’Inter (che al termine di quella stagione si sarebbe laureata campione d’Italia a 10 anni di distanza dal suo primo trionfo) sedeva la coppia Francesco Mauro (nominato al termine di quella stagione presidente del sodalizio meneghino al posto di Giorgio Hulss) Nino Resegotti.