esagono nero.svg
rcsport-logo
rcsport-logo
search icon
ezgif.com-animated-gif-maker (8)

Il quotidiano online dello sport a Reggio Calabria e Provincia.

Associazione di promozione sociale Onlus EMITI.

Legale rappresentante Ornella Derna.
Direttore responsabile Rocco Calandruccio.

MAIN SPONSOR

ezgif.com-animated-gif-maker (8)
scarica-app-android-small-696x114

facebook
instagram
whatsapp
tiktok

2023 © RCsport.it - Tutti i diritti riservati. Associazione di promozione sociale Onlus EMITI. Reg. Trib. Palmi n° 1/18. Realizzato da VOLGO Agenzia Pubblicitaria

La Gioiese cerca il riscatto sul campo del Licata

2024-03-28 07:00

Maurizio Accordino

CALCIO, Serie D, calcio, serie d, Gioiese, Licata,

La Gioiese cerca il riscatto sul campo del Licata

Penultima trasferta siciliana per i viola di Cozza sul neutro di Ravanusa

gioiese-250324.jpeg

Per l’ultimo turno infrasettimanale della stagione (si gioca oggi per le festività pasquali), la Gioiese affronta la penultima trasferta sicula del torneo.
La squadra di Cozza fin da ieri è arrivata all’Hotel Belvedere di Ravanusa, dove attenderà il match odierno, che si giocherà sul neutro di Ravanusa, stadio che ospita sia le gare interne del Licata che quelle del Canicattì.
Smaltita la rabbia e la delusione per la sconfitta interna di domenica contro il Portici, che ha sancito la matematica retrocessione della compagine viola, l’undici della Piana intende proseguire ad onorare il torneo fino in fondo e cercherà oggi di riscattarsi. Si proverà a portare a casa un risultato utile che potrebbe essere molto importante per la classifica, perché consentirebbe di ridurre il divario dal Castrovillari, penultimo in classifica, e che osserverà oggi un turno di riposo.

Ovviamente mister Cozza ha fatto lavorare tanto la squadra, dalla quale pretenderà il massimo, per rifarsi del bruciante stop interno di domenica, che era un confronto di grande importanza, la cui posta in palio aveva un grande valore. Da qui alla fine alla Gioiese resteranno da giocare in casa solo due gare casalinghe, contro avversari non certo facili, come S. Agata e Trapani, per cui a Vasil e compagni non resterà che tentare di andare a riprendersi in esterno i punti persi al Polivalente contro il Portici. Sul 2-3 a 15’ dalla fine più recupero, c’è stata la ghiotta occasione di pervenire al pareggio su calcio di rigore, con la possibilità poi di giocare il finale con l’uomo in più (era stato espulso il campano Zanoni), ma non si è riusciti a sfruttarla.

Oggi a Ravanusa si tenterà di sorprendere il Licata, squadra ancora non salva, essendo a quota 34, con 4 punti di margine sul Portici, ed in cerca del successo che manca da ben due mesi. La squadra di mister Romano è reduce da un turno di riposo e nelle precedenti 6 gare ha raccolto la miseria di un punto, sul campo del San Luca, perdendo le altre 5 partite.
Non è quindi in un periodo di forma smagliante, ed oggi sarà priva dei difensori Pino e Garau, oltre che del giovane attaccante Saito, autore fin qui di 6 reti. Saranno invece regolarmente in campo i punti di forza del complesso agrigentino, come il bomber Minacori (11 reti per lui), l’ex Lamezia Haberkon, ed i forti centrocampisti Murgia e Rotulo.
Per la Gioiese si va verso la conferma dell’undici sceso in campo domenica, persistendo le assenze degli indisponibili Poli e Faye (infortunati) e dello squalificato Chazarreta.
Oltre che per migliorare la classifica, la Gioiese vorrà fare punti oggi, anche per rifarsi della beffarda sconfitta della gara di andata quando, sul neutro di Palmi, in vantaggio fino al 90’, la Gioiese venne prima raggiunta e poi superata nei minuti di recupero dalla compagine giallonera. Al termine di quella gara, purtroppo, si registrò qualche scaramuccia di troppo, costata poi il Daspo ad alcuni dirigenti viola.

Anche a Ravanusa la Gioiese non sarà sola, visto che uno sparuto numero di sostenitori del gruppo Ultras Viola ’01 sarà al seguito della squadra in questa lunga trasferta.

Per chi invece vorrà seguire la gara in diretta potrà farlo acquistando il ticket sulla pagina Licata TV.

 

Foto di copertina a cura di Davide Gullì